L’Isola che c’è….

Qualcuno degli amici della Spiaggia Tangram l’anno scorso disse della spiaggia “è l’isola che c’è!” .. bene quest’anno l’Isola che C’è è stata da noi veramente ed è venuta a trovarci da Monteporzio Catone nei Castelli Romani…

Erano Damiano, Karina, Annalisa, Marta, Valerio, Valerio e Davide, accompagnati da Dora e Tiziana e Romilda! Ed è stata per noi un’esperienza bellissima averli qui alla spiaggia.

Hanno portato affetto, allegria, colore, risate! Ci siamo divertiti …

L’Isola che c’è è un associazione che accoglie i ragazzi. E’ un piccolo centro diurno dove vengono fatte tantissime attività in collaborazione anche con altre associazioni, come l’Associazione Arcobaleno Rotante (http://www.arcobalenorotante.it/joomla/) con cui fanno Musicarteterapia, corsi di Teatro, Tamburi Africani e tantissime altre cose, inoltre collaborano con AFCREA (www.afcrea.com) con cui creano oggetti meravigliosi con tutti i materiali riciclati, insomma questi ragazzi sono dei grandi artisti e noi abbiamo avuto l’onore di averli qui alla spiaggia Tangram!

Insieme a noi hanno scherzato, giocato, nuotato e hanno anche fatto un’avvincente gara di boccette!

Alla prossima gara di boccette allora…. Noi li salutiamo regalandovi le loro foto, i loro visi, i loro sorrisi e l’amore che ci hanno dimostrato. A un’altra avventura Le Mat!!!

 


15 anni: La cooperativa Il Nodo festeggia alla Spiaggia Tangram

La Cooperativa Il Nodo  compie 15 anni ! Festeggeremo insieme Sabato 30 Giugno 2012 presso la Spiaggia Tangram di Follonica in Viale Italia 81.

Sarà l’occasione per incontrare vecchi e nuovi amici, lavoratori e soci della Cooperativa , aziende partner e collaboratori.

Tutti i soci della Cooperativa si sono impegnati nella realizzazione di un video sulle attività della Cooperativa, è stato difficile ma ce l’hanno messa tutta per festeggiare al meglio il luogo in cui lavorano, il luogo in cui vivono gran parte della loro giornata e della loro vita.

Ci sarà un ricco buffet e tanta allegria!

Musica dal vivo col gruppo Folk  Ciapa La Cioca (la biografia a questo link http://www.ciapalacioca.com/bio.php) un mix tra Bandabardò e Modena City Ramblers (http://www.youtube.com/watch?v=iTShhDK5yHc a questo link un promo video)

Non mancare dalle ore 20 in poi, feste su feste, dal tramonto all’alba, danze e carezze!!!!!

Locandina in allegato

Lemattiani!! siete tutti invitati!

Summer in Action: Mari, Sonia, Claudio

Eccoli, sono arrivati Mari, Sonia e Claudio:
sono i ragazzi delle scuole superiori della Toscana che stanno partecipando al “Summer in Action” nel progetto “Scuola e Volontariato” della Toscana (http://www.scuolavolontariatotoscana.it/blog/), in collaborazione con il Cesvot. Una settimana residenziale presso l’Ostello La Baciocca, nel LaBaciocca ParcodiMontioni e che per qualche giorno vivranno l’esperienza della scoperta delle realtà delle associazioni e delle cooperative sociali del Territorio. Tra di loro, Mari, Sonia e Claudio staranno qui con noi alla Spiaggia Tangram e ci aiuteranno nello svolgimento del nostro lavoro quotidiano. Altri saranno al Canile di Follonica (loc. Il Martellino) altri ancora all’Auser, alla CARITAS e all’ Arcobaleno Cooperativa Sociale. Sperimenteranno concretamente le nostre attività, si metteranno in gioco nella solidarietà diversa dal quotidiano, collaboreranno tra di loro e si ritroveranno insieme in un clima comunitario di divertimento. Quindi benvenuti a tutti voi ragazzi, sperando che questa esperienza sia un momento di crescita importante, che non siamo tutti uguali e che ognuno è utile all’altro, come un TANGRAM. Forza!!!!
A breve arriveranno le foto!!

La disabilità nel nostro territorio: tra necessità e opportunità

Si è svolta il 16 dicembre 2011 un’interessante Tavola Rotonda nella Sala Consiliare del Comune di Castiglione della Pescaia, cittadina a vocazione marina ed anche turistica.

A volere fortemente questo incontro l’Associazione Le Ali sul Mare, associazione di famiglie con figli disabili che chiedono a gran voce alla cittadinanza ed ai politici del Comune un impegno concreto per l’abbattimento delle tante barriere architettoniche che vedono la città limitare l’incontro sociale dei propri figli a tutti i livelli.

Presente anche la Fondazione Il Sole ben radicata nel territorio grossetano con due case famiglia volte ad ospitare ragazzi con gravi disabilità che non possono essere più seguiti in modo proficuo dalle loro famiglie. Nata per dare una risposta qualitativamente elevata a questo tipo di esigenza e per far fronte a situazioni di reale emergenza familiare (si pensi, per esempio, all’eventualità di un ricovero ospedaliero di un genitore o, addirittura, dell’unico genitore rimasto).

A questo incontro è stata invitata anche la Cooperativa Il Nodo, forte dell’esperienza della Spiaggia Tangram. Ha presentato il progetto Spiaggia Tangram Le Mat con grande interesse dei presenti, Presidenti di Associazioni, Croce Rossa e semplici genitori di ragazzi con disabilità.

La Spiaggia Tangram realizzata nel 2005, è uno dei più importanti esempi nel territorio maremmano di accessibilità e opportunità offerti a tutti i livelli. Si caratterizza infatti per l’accoglienza non solo di persone normodotate ma anche di chi meno fortunato vive la realtà della disabilità, sia in sedia a rotelle che per cecità, per deficit mentali o altre patologie.

La spiaggia Tangram è un progetto di accoglienza e di integrazione sociale che è e deve continuamente essere di stimolo per l’abbattimento delle barriere non solo architettoniche ma anche mentali e culturali.

SI PUO’ FARE!

Le richieste dell’Associazione Le Ali Sul Mare vertono verso una Casa dove poter far ospitare i propri figli e dove questi si sentano integrati e non isolati; vertono anche alla richiesta di replica di esperienza Tangram nel territorio di Castiglione, dove ancora una volta è difficile sensibilizzare i gestori di Stabilimenti Balneari all’importanza di servizi ai disabili e che non considerano quanto invece possa essere una ricchezza quella di aver a che fare con il loro incontro.

Le amministrazioni locali promettono maggiore sensibilità e si stanno muovendo a piccoli passi verso la realizzazione di camminamenti pedanati sulla spiaggia e verso la dotazione per tutti gli stabilimenti balneari di almeno una sedia JOB.

Qualcosa si muove e noi ne siamo testimoni.

NOIO… VOLEVAM… VOLEVÀN SAVOIR… L’INDIRISS… DE BAGNACAVALLO….

Raccontare una storia di viaggio ci offre l’opportunità di rendere speciali quei luoghi che diversamente durante la visita non sarebbero in grado di dirci molto, di lasciarci nel cuore e nella memoria un gusto unico…

Così oggi abbiamo visitato Bagnacavallo, un piccolo centro dell’Emilia Romagna in provincia di Ravenna.

Alle 14.30, complice il tempo con un sole caldo, abbiamo intrapreso la strada che porta dal Convento di San Francesco dove siamo alloggiati verso il centro di Bagnacavallo.

Dalla prima tappa, ovvero la porta di ingresso alla città, siamo passati per il Palazzo dell’Abbondanza dove abbiamo incontrato il Presidente del Centro Sociale, Giovanni.

Per raggiungere la Piazza Nuova ci siamo trovati a passare attraverso un suggestivo vicoletto dal nome romantico “Vicolo degli Amori”, stretto, buio ma suggestivo, alla fine del quale si apriva una carinissima piazzetta adiacente ad un antico rifugio per orfanelli, oggi case popolari, tutta addobbata per le feste natalizie e popolata di donne affacciate alla finestra incuriosite dal canto e dalla straordinaria voce di Mario, un LeMat d’oil.

Arrivati alla Piazza Nuova siamo rimasti colpiti dalla sua forma ovale e dai colori accesi, rossastri tutta a mattoncini, evidenziati anche dai raggi del sole che stava tramontando. Tutto intorno si snodava un porticato ad archi sul quale si aprivano vetrine di osterie, enoteche, botteghe di artigiani. Fortuna ha voluto che incontrassimo il proprietario dell’Osteria che ci ha invitato ad entrare nella storia anche recente di questo luogo. La piazza è stata più volte utilizzata come location di film famosi e pubblicità televisive: avete presente quella del latte “Fatti mandare dalla mamma ……..”!

Al calar del sole, nel raggiungere la piazza principale, ci siamo resi conto della tranquillità di questo centro, grazie alla quale abbiamo potuto apprezzare maggiormente la bellezza e i dettagli dei palazzi come il Teatro Goldoni, la Torre Civica sede antica di una prigione a 3 piani divisi in Inferno, Purgatorio e Paradiso che ospitò un brigante detto IL PASSATORE. Alla base della Torre una cosa particolare è la presenza di tre chiodi dove i Bagnacavallesi usano appendere gli oggetti smarriti.

Sulla strada del ritorno, all’imbrunire, ci imbattiamo nel CASTELLACCIO antica torre fortificata di vedetta. La leggenda vuole che il palazzo fosse abitato da fantasmi o streghe, ragion per cui i Bagnacavallesi se ne tenessero lontani soprattutto nelle ore notturne.

Alle 17 abbiamo concluso la nostra visita rientrando nel calduccio dell’Ostello.

….e così oggi “leggere” Bagnacavallo ci parlerà del gusto di quei luoghi, personaggi e storie che in un altro modo non avremmo potuto incontrare: special places, special people, special values!