L’accoglienza dei Le Mat di Londa, il Tondo e Ecotondo – la seconda tappa del mio viaggio su Animazione sociale

Me li sento molto vicini, Caterina e Carlo e naturalmente Elisa e Elena e i tanti loro amici e collaboratori.

Li ho conosciuti a Fa’ la cosa giusta, credo, nell’anno in cui ero candidata al Consiglio di Amministrazione della Banca Popolare Etica, ero piena di dubbi, nel 2007. A Milano nel casino della Fiera ci eravamo piaciuti ma non c’era tempo per discutere e così alla prossima occasione di Firenze, forse per Terra Futura, non ricordo, decido di pernottare da loro, al Tondo, a Londa! E’ comodo, si arriva con il treno in 45 minuti a Contea-Londa e se chiedi ti vengono a prendere…

La prima è stata una serata indimenticabile, calda, cibo ottimo, una straordinaria ricchezza di discussioni con persone che non conoscevo nemmeno… Una scoperta!! Tante altre giornate calde e di generosa accoglienza, con persone interessanti, intelligenti, aperte sono seguite negli anni e tutte le volte che vorrei approfondire un dubbio, discuterne a lungo, mi viene voglia di andare da loro.

Si, Caterina e Carlo accolgono i loro ospiti, spesso con un pasto davvero buono, preparato dalle abili mani di Carlo. D’inverno si mangia nel salotto, una tavolata apparecchiata di volta in volta in modo diverso, per far sentire gli ospiti proprio a casa, nel camino arde la legna e nel calore della convivenza le discussioni possono avviarsi….discussioni vere…abilmente stimolati da Caterina e Carlo!

E così era quella prima sera, abbiamo parlato fino a tarda notte, il tema era una possibile finanza etica.

Non conoscevo tutte le persone ma l’abilità di Caterina e Carlo nel indurci e condurci verso la curiosità e una fiducia reciproca ha permesso un confronto profondo, l’aprirsi ai nostri dubbi ma anche ai progetti, agli entusiasmi, agli altri.

La loro casa, Il Tondo – era una fattoria con diversi corpi che risalgono ai primi anni del secolo scorso, la casa colonica dove abitava il contadino (il Billo), le stalle, le cantine, il fienile, la porcilaia, un ricovero per le attrezzature agricole e il carro. L’edificio in cui si fa accoglienza è su 2 piani, sopra ci sono 4 camere (una più diversa dall’altra, tutte molto accoglienti) e al piano terra c’è la cucina e la splendida sala con volta a botte.

Caterina è, tra molte altre cose, architetto e con grande cura e rispetto ha ristrutturato Il Tondo quando insieme a Carlo e Elisa hanno deciso di abbandonare Milano e di lasciare un ottimo lavoro per trasferirsi a Londa dove Caterina è nata. Una lunga e non facile storia che, tra molte altre cose, rende così ricco e vivace ogni incontro con loro.

Infatti, Caterina e Carlo non gestiscono soltanto la casa ma sono una fucina di idee e progetti in continuo cambiamento: una Associazione per lo sviluppo sostenibile del territorio toscano www.ecotondo.org organizza splendide escursioni (Caterina è anche guida escursionistica ambientale), incontri, eventi dove la cura del paesaggio è sempre al centro, con bambini e adulti.

Il 9 dicembre passato ad esempio un incontro dal titolo “Lentamente verso la meta”, dedicato a chi ama il paesaggi nelle sue molteplici sfaccettature, un incontro tra persone che sono disposte a raggiungere “la meta” prescelta arrivandoci con mezzi sostenibili. Ogni anno si sceglie una meta, questa volta è stata scelta l’Azienda Agricola Cornioleta nel Comune di Londa, “l’abbiamo raggiunta a piedi (in un giorno piovoso!) e durante il percorso abbiamo favorito il dibattito tra i partecipanti su misteri e leggende della zona (a partire da alcuni toponimi e racconti orali di genti del posto). Nelle leggende il reale si mescola al meraviglioso; vengono narrati fatti accaduti in luoghi e tempi definiti a cui sono stati aggiunti elementi fantastici. Le leggende popolari, poi, sono frutto di un’elaborazione corale: un Patrimonio inestimabile per una comunità

 Insieme ad altre realtà della zona e dopo molti anni di lavoro di rete e di progettazione si è creata l’Associazione Foresta Modello delle Montagne Fiorentine . La Foresta Modello è un percorso permanente a partecipazione volontaria di Soggetti ed Organismi che per un territorio forestale definito, condividendo le varie esperienze e confrontando le diverse esigenze, adottano scelte comuni.

Lavorano molto, moltissimo Caterina e Carlo e discutono molto, tanto e se vai a trovargli puoi partecipare, non ti escludono, non ti trattano da turista ma ti coinvolgono e ti fanno esprimere una tua idea…. e questo mi sembra un valore davvero straordinario, il loro valore, il loro modo di far esistere un sociale, forte, critico che accetta le fragilità come valore!

Caterina mi scrive, “Qui stiamo bene, anni duri, ma per fortuna con la sensazione di crescere come persone. La casa e le attività vanno avanti. Come sai, non siamo molto nel sociale (per colpa mia…)…” Caterina si riferisce al fatto che non sono una cooperativa sociale. Allora, quando abbiamo creato Le Mat c’era chi proponeva questo come standard e discrimine. Mi sono sempre rifiutata. Vi sembra che non siano nel sociale? Lavorano per far esistere un sociale…tutti i giorni!

E Carlo? “Qui all’Ecotondo, come sempre, tutto accade quasi per caso. Ogni giorno è una nuova battaglia e non sai mai se, al tramonto, tornerai sconfitto o vincitore. Sicuramente si stanno allargando gli orizzonti operativi, conosciamo meglio il territorio, abbiamo maggiori possibilità di creare progetti condivisi con le associazioni locali e con le amministrazioni. 

Rispetto al rapporto con i nostri ospiti non è cambiato praticamente nulla, si fa il possibile per renderli partecipi della nostra piccola avventura, tra sapori genuini, emozioni e convivialità e c’è chi gradisce il nostro modello partecipativo e chi meno. Credo che a tutti noi, “Le Mat”,  non interessa  vendere un prodotto ma piuttosto vivere un’esperienza ma non potrà mai essere uguale a quella della volta precedente, siamo fatti così, fuori standard e sicuramente fuori mercato!” Carlo è così!

Grazie Caterina e Carlo per aver creato un luogo davvero speciale, per aver resistito continuando a proporre empatia, capacità di conflitto, fantasia e organizzazione come elementi essenziali nel percorso di costruzione di un paesaggio inclusivo. Vi penso spessissimo! Siete dei grandi Le Mat!

E a voi che non li conoscete vi propongo di prendervi qualche giorno da trascorre al Tondo in loro compagnia. Loro hanno fatto il grande passo dal centro alla periferia e hanno molte, moltissime cose da raccontare e da farvi vedere.

Dimenticavo di dirvi che il luogo è molto suggestivo.

La Casa per Ferie Ecotondo si trova a Londa (Fi) in Località Caiano Il Tondo, 2. La casa si trova a 2 km dal centro storico di Londa, sul percorso dell’antica via che collegava il capoluogo alle frazioni di Caiano, Fornace, Rincine e Petroio, oggi percorso CAI . 7 http://www.ecotondo.org/wp-content/uploads/2015/04/SentieroPerLonda.pdf .

Caterina Gori e Carlo Visca

Località Il Tondo, 2 50060 Londa (Fi)

tel. 055 8351207 – 348 7375680/663

ecotondo@ecotondo.org

www.ecotondo.org

l’articolo è uscito sul numero 323 di ANIMAZIONE SOCIALE   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


3 + = 10