Un viaggio a tappe – Trieste

Da un po’ di tempo racconto – sono Renate Goergen –  un po’ delle storie Le Mat sulla rivista Animazione sociale, proprio una bella rivista, secondo me! 

Con il permesso di Roberto pubblicherò i miei articoli anche qui. E’ un viaggio che ovviamente deve iniziare da Trieste, da dove noi di Le Mat siamo partiti.

Le Mat nasce alla fine degli anni ’90 da esperienze di cooperazione sociale di tipo B. L’idea era quella di creare un “marchio di qualità”. Si voleva imparare gli uni dagli altri, far tesoro delle cose imparate, trasmetterle a chi magari iniziava e rischiava di fare gli stessi errori già commessi da altri.

Il progetto europeo per avviare questo percorso ambizioso si chiamava “Albergo in via dei matti numero 0”. Passo dopo passo e insieme a svedesi, inglesi, tedeschi, polacchi e altri è diventato Le Mat e  una associazione. Sono stati realizzati manuali, manifesti, racconti, viaggi. “Franchising sociale” lo definirono quelli che di definizioni hanno bisogno. Un piccolo gruppo di facilitatori/formatori Le Mat viaggia tuttora l’Italia e l’Europa dovunque qualcuno chiami affermando di voler diventare un Le Mat.

Nel 1985 ero molto giovane quando a Trieste, insieme alle ragazze socie de “Il Posto delle Fragole”, abbiamo pensato che gestire un albergo sarebbe stato un bel mestiere, per conoscere e accogliere persone diverse da noi, per incontrare pezzi del mondo al di là della città di Trieste, per uscire da paure e paranoie, per sentirci “socializzati”.

 

Accadeva nel 1987, a Barcola (Trieste)

Gestivamo già Il Posto delle Fragole – bar e luogo di incontro nel parco di San Giovanni, l’ex manicomio – e ci piaceva molto stare dietro al banco, fare buoni caffè, preparare panini e poi pasti, servirli a visitatori da vicino e lontano, insomma ci piaceva il rapporto con le persone… Avevamo organizzato un corso di orientamento, all’inizio un brainstorming su cosa ci piacerebbe fare, quali altri progetti mettere in cantieri e così venne fuori l’albergo…

Forse inizialmente era soltanto una piccola provocazione perché di soldi non ne avevamo proprio, di esperienza nemmeno, sembrava una meta un po’ irraggiungibile… Eppure, non ricordo con precisione ma credo nel 1987, abbiamo rilevato la licenza della “Pensione Tritone” a Barcola e firmato il contratto di affitto con la Cassa di Risparmio di Trieste, proprietaria dell’edificio, firmando un bel po’ di cambiali.

La Pensione Tritone era davvero vecchia e anche un po’ malandata, 18 camere su 2 piani, un bagno su ogni piano ma tanti erano i clienti che accoglieva. A noi sembrava un paradiso.

Sette ragazze si sono buttate piene di coraggio su questo nuovo progetto. L’anziano sig. Rustia che per 40 anni aveva gestito la pensione le affiancava, le istruiva, le introduceva nei segreti di questo stupendo mestiere: l’accoglienza.

Inizialmente Renata, Orietta, Lilli e le altre passavano 12/24 ore nel loro albergo, preoccupate di non perdere neanche uno dei preziosi clienti. 19.000 lire la doppia, 12.000 la singola… non era facile con 18 camere raggiungere il punto di pareggio anche con una occupazione media di oltre l’80%.

Ma la passione per un mestiere, e per l’accoglienza, è un bene che non si consuma anzi, cresce con l’uso! E così, quando costrette dalle prime visite dell’ASL dovevamo affrontare la spesa di un nuovo impianto elettrico e tante altre cose da mettere a norma, le ragazze decidono di provare a ristrutturare il tutto, fare il salto da Pensione a Hotel.

Oggi l’Hotel Tritone c’è e accoglie tutti

Fu una strada molto, molto difficile: trovare i soldi, seguire il cantiere, scoprire che la struttura statica della palazzina era fatiscente, iniziare e portare avanti il confronto/scontro con la proprietà e nel frattempo dover accettare altri lavori, per vivere.

Abbiamo avuto la grande fortuna di incontrare l’avvocato Carano che ci ha accompagnato passo passo verso la risoluzione del conflitto con la proprietà, la stesura di un ottimo contratto di affitto che riconosceva non soltanto i nostri investimenti ma anche i mancati guadagni del periodo di chiusura e la (ri)apertura dell’Hotel Tritone, 16 camere, tutte con bagno, una piccola ma elegante reception, saletta per la colazione e la terrazza sul mare.

Da allora – 1992 – l’Hotel Tritone c’è e ha accolto e accoglie, da Uto Ughi a viaggiatori di tutto il mondo, persone che viaggiano per lavoro, per piacere, per scappare da luoghi di guerra e di fame.

Ci sono migliaia di storie da raccontare, storie che raccontano della buona accoglienza, storie che raccontano l’incontro con molte altre culture in un luogo piccolo ma curato.

E se vi prendete un po’ di tempo per soggiornare all’Hotel Tritone e siete curiosi e rispettosi del grande lavoro che fanno le persone che vi lavorano, magari vi raccontano, Orietta, Gianni oppure Sandro che spesso fa la notte.

I Le Mat sono anche al Parco San Giovanni

E poi già che ci siete a Trieste andate al Parco di San Giovanni, un luogo davvero straordinario, un po’ unico dove si respira che il cambiamento è possibile! Pranzate al Bar “Il Posto delle Fragole”, anche quello c’è ancora, e ci sono Renata, Sandro, Patrizia …

La cooperativa Il Posto delle Fragole non c’è più, forse era troppo piccola… ma le attività e i soci sono stati assorbiti dalla cooperativa sociale La Collina, più grande, più forte, più organizzata che gestisce tante altre cose particolari tra cui Radio Fragola http://www.radiofragola.com/.

Orietta che era la Presidente della cooperativa dice che non è più lo stesso, dice che prima si decideva tutto insieme… Io non lo so, non vivo più a Trieste da molti anni ma so che i Le Mat ci sono, forti e fragili e gestiscono il Bar e l’Hotel.

In tanti venivano e vanno tuttora all’Hotel Tritone e chiedono come si fa, vogliono imparare, gestire un ostello, un albergo, un bar e così ormai molti anni fa ho pensato che l’accoglienza è davvero un bel mestiere e poi è nato Le Mat.

Il nostro sarà un viaggio attraverso (i) Le Mat – luoghi, persone, valori speciali! Non potevo che iniziare da Trieste. È qui che ho imparato che cambiare si può e che le utopie sono praticabili.

Andate a vedere.

Hotel Tritone – viale Miramare 133 – Trieste – tel. 040 422811 – www.tritonehotel.org/

Il Posto delle Fragole – via De Pastrovich 4  – www.ilpostodellefragole.eu/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


4 + = 7