Giovedì Ottobre 19 , 2017
Text Size
   


Un sentiero per Londa

 
Proposto da: Ecotondo
Voti (0) | Hits (3653) | Commenti (0)

Dove: Toscana
Dal: 09, Mar. 2014
Fino al: 09, Mar. 2014

 



percorso da pastori e contadini, viandanti e pellegrini, eserciti vittoriosi o in fuga...un sottile filo della memoria che unisce alcune tra le piu' belle frazioni del Comune di Londa – Caiano, Fornace, Rincine e Petroio...

DOMENICA 9 MARZO 2014

INAUGURAZIONE del nuovo tracciato denominato "UN SENTIERO PER LONDA". Un percorso ad anello di circa 12 km alla riscoperta di antichi mulini, ponti, tabernacoli e pievi ripercorrendo la strada vicinale che un tempo collegava le frazioni di Caiano, Fornace, Rincine e Petroio al centro di Londa piu' a valle. Sosta alla quercia da sughero di Caiano, oggi albero monumentale.

Sono previste quattro tappe per approfondimenti sul territorio e piccole degustazioni sulla via.

La partecipazione è libera. Difficolta': escursionistico. Consigliati scarponcini da trekking. Pranzo al sacco a cura dei partecipanti.

Servizio navetta a richiesta dalle ore 11,00 alle 14,00.

Ritrovo ore 9,30 presso il Centro Visite del Parco Nazionale Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna, Chalet Il Lago di Londa

www. comune.londa.fi.it, Info: 348 7375680

UN SENTIERO PER LONDA

Una terra, la nostra, ricca di civiltà e memorie di un passato glorioso: pievi millenarie che ci riportano agli albori del Cristianesimo, al tempo del martirio di San Leolino; diruti castelli, orgogliosa testimonianza della gloria e dei fasti della potente famiglia dei Guidi; ariosi casolari, disseminati tra vigneti e uliveti, esempi preziosi di un'architettura profondamente pensata e razionale; suggestivi mulini, un tempo ferventi di vita operosa, ora trasformati in pittoreschi ruderi; edifici padronali dall'architettura semplice e dai toni smorzati, inseriti armoniosamente nel paesaggio circostante. Sullo sfondo uno scenario di gole montane, boschi di castagni, di querce e faggi, serene coltivazioni di viti e di olivi, torrenti impetuosi che scendono dai contrafforti del Monte Falterona.

In mezzo a questo paesaggio magnifico qualcuno – fin dai tempi degli Etruschi – dipinse, con un paio di pennellate da maestro, il borgo dell'Onda e completò il quadro con altrettante pennellate che dettero vita ad un gioiello dopo l'atro: Rincine, Fornace, Caiano, Vierle, S. Leolino, Petroio, Rata.

Se le pietre di questi piccoli borghi potessero parlare ci narrerebbero le vicende dei Conti Guidi, della Repubblica fiorentina, dei Medici, del Granduca di Toscana che divise questo territorio in cinque comuni e di Pietro Leopoldo che, nel 1776, dette vita ad un solo Comune, quello di Londa.

Il "Sentiero per Londa" - scaturito dall'attività di un Circolo di Studio a conclusione di un'accurata ricerca sul territorio – un tempo percorso da pastori e contadini, viandanti e pellegrini, eserciti vittoriosi o in fuga, intende unire, come un sottile filo della memoria, alcune tra le piu' belle frazioni del Comune di Londa – Caiano, Fornace, Rincine e Petroio – per dare la possibilità agli abitanti di riscoprire la propria terra che è prodiga di ogni tipo di tesori – naturalistici, storici, artistici, folkloristici e ... perchè no, gastronomici. Del resto tutta la zona è un'antica culla di bellezze che piacque ai viaggiatori (turisti) di ogni genere. Il primo "turista" che si ricordi veniva niente di meno che da Cartagine e si chiamava Annibale!

Un'occasione anche per ammirare, in località Caiano la splendida quercia da sughero (detta comunemente sughera) che risale al 1750 e oggi riconosciuta dalla Regione Toscana meritevole di essere inserita nell'albo delle piante monumentali.

Testo di : FRANCA VENTURUCCI, Ass. VivereLonda, Gruppo Ricerca Storica


Allegati:


Commenti

Nessun commento per questa voce

Lascia per primo il tuo commento

Collegati per lasciare un commento

 

Condividici!

Newsletter

Iscrivendoti confermi di aver letto e accettato l'informativa sulla privacy.

I Canali Le Mat

youtube flickr
picasa slideshare

Copyright Le Mat 2011

Webdy.it Realizzazione Siti Web
Le Mat | L'Accoglienza Turistica Degli Imprenditori Sociali

Via G.Giulietti 11- 00154 Roma
Tel: 0039 335 7780682
info@lemat.it